Così vicini meno lontani

wpid-rimbalzo-pallone-bn

In giovane età il cortile del condominio era per me fonte di gioco, scoperta e prime relazioni di amicizia. Ricordo ancora mia madre chiamarmi per la cena dall’alto del secondo piano mentre con il pallone urtavamo fragorosamente nei garage sottostanti con il conseguente richiamo del capocondomino; poi i giochi di gruppo, le biglie e il nascondino e le risse. Un mondo dentro insomma, vissuto nel microcosmo di quattro palazzine in attesa di diventare adulti e guadagnare finalmente il centro della città.

Poi i vicini, quelli che rumoreggiavano a tutte le ore, quelli che stendevano gocciolanti pile di indumenti, quelli che l’assaggio della torta era un grande momento di convivialità. Con la scomparsa del piano terra, la cementificazione e l’apertura delle piazze commerciali tutto questo non c’è più. I rapporti di buon vicinato e di scambio sociale hanno lasciato il posto ai tiepidi focolari del salotto a 42 pollici.

15091340395_9d2e5671d4_o

Sarà la rete a riportare le relazioni al loro punto di partenza? 

Navigando nel web si stanno moltiplicando applicazioni, forum e social network che tentano di ricostruire le relazioni sociali di buon vicinato.

Dall’applicazione veneta Ratatouille per lo scambio di cibo in esubero tra vicini, alla toscana Noruba che ti permette di segnalare in tempo reale emergenze o rischi agli abitanti del tuo quartiere; poi c’è Mano, ancora in fase di sviluppo, in cui scambiare competenze ed aiuto per le piccole cose da fare e ancora Local Flow in cui condividere notizie importanti e foto su argomenti strettamente legati ad una zona o ad un quartiere.

Una particolare attenzione va a Social Street  network che parte da Facebook per rilanciare  il coinvolgimento tra le persone attraverso micro reti legate alle vie delle città e dove, da un primo passaggio virtuale e di conoscenza, si passa direttamente alla realizzazione di momenti in comune, eventi e proposte concrete di mutuo aiuto.

casa-rovaro-1966

Saranno le nuove tecnologie a farci recuperare lo spirito di accoglienza, di solidarietà e di giustizia sociale di cui tanto abbiamo bisogno? Basterà una semplice applicazione a ricordarci della signora del terzo piano che necessita soltanto di fare quattro chiacchiere davanti a un buon caffè?

Ritrovare modalità di condivisione tra individui, riaffermare le nostre primarie esigenze di fare comunanza,  di sostenersi nelle lotte per i diritti, di ristrutturare il senso comune di appartenenza è  l’obiettivo sempre in alto sull’asticella e se i nuovi mezzi comunicativi potranno supportarci in questo sforzo non potremmo che essergliene grati.

6806371311_a833966362_o

Come recuperare energie dall’esperienza?

IMG_20140905_131149

Un venerdì speciale, con amici ritrovati ed un gruppo di lavoro attento e disponibile, ci ha portato a confrontarci con un delicato tema come recuperare energie dall’esperienza e attivare un senso etico nel mondo lavorativo e in quello della quotidianità.

20151127_163458

Organizzati da Tommaso La Selva, compagno di avventure associative e dissociative, gli incontri di “Personal branding – me and sharing economy” sono un occasione per riflettere in maniera anche pratica sulla necessità di ri-formarsi, attivare motivazioni, sviluppare potenzialità ma soprattutto creare opportunità di cambiamento partendo proprio dalle proprie intuizioni e dal lavoro che ognuno può fare su se stesso e sugli/con gli altri.

Parole come istinto, scelta, fiducia, metodo, persone, gruppo, coraggio, competenze non si realizzano solo come  tag su una nuvola digitale ma ritornano ad essere puri e reali punti di forza di un movimento personale e sociale che può e deve rilanciarsi nella sfida alla nuova economia di scambio.

12312191_877209955726317_465630788_n

Un ringraziamento particolare quindi a Tommaso, Simona, Nadia, Mirko, Paola e tutto il gruppo di lavoro che mi ha permesso di ridefinire ancora una volta la mia esperienza e i passaggi cruciali del mio lavoro.

Qui trovate il programma completo dei prossimi incontri.

10626873_1485600655103676_5309960463272890255_n

“Personal Branding – Me and Sharing Economy

Senza titolo-1

Venerdi 27 novembre sarò ospite di Tommaso La Selva a Grottammare (AP) all’interno degli incontri dedicati alla formazione esperienziale e multitematica dal titolo “Personal Branding – Me and Sharing Economy”.

Mi racconterò cogliendo all’interno della mia vicenda personale gli elementi vivi che hanno puntellato la mia ricerca di mediazione artistica come strumento di facilitazione e comunicazione all’interno di gruppi sociali, culturali e di disagio. La condivisione e la necessità di recuperare vere opportunità di scambio con l’altro e con il gruppo saranno i temi portanti di questo incontro con un particolare focus sulle scelte etiche e di senso, sostanziali nel corso della propria vita professionale.

Gli incontri sono organizzati dal consulente e formatore Tommaso La Selva (Associazione Culturale Blow-Up) nell’ambito del Progetto Tillandsia, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Grottammare (Assessorato alla Formazione e ai Talenti; Politiche del Lavoro e contro la crisi) e con l’Informagiovani di Grottammare-Acquaviva-Ripatransone-Cupramarittima.

12234922_874161329364513_926244679073606171_n

La partecipazione è gratuita per tutte le date, con tessera annuale 2015-16 rilasciata dall’Associazione Blow-Up.

Tutti gli incontri sono autoconclusivi, quindi è possibile partecipare anche a un singolo evento.

Per info: 380-6421779; e-mail: tommaso.laselva@gmail.com

fb: balthasar gracian

pagina fb: personal branding me and sharing economy.